Questo sito usa cookie per fornirti un'esperienza migliore. Proseguendo la navigazione accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra OK

La Storia

 

La Storia

La prima scuola italiana a Parigi fu istituita nel 1932 in rue Bixio, per interessamento di un “Comitato Scuola” che aveva organizzato, negli anni precedenti, corsi di doposcuola per ragazzi italiani residenti nelle zone periferiche della città. Nel 1934 la scuola si arricchì del corso elementare e si trasferì in una sede più ampia e adeguata in avenue de Friedland.

Nel 1937 l’aumento della popolazione scolastica rese necessario un ulteriore trasferimento della sede principale in rue de la Faisanderie e l’apertura di una succursale a Vincennes, frequentata dagli studenti residenti nella parte orientale della città. Dal 1937 al 1939 la scuola conobbe il suo sviluppo massimo: ciascuna delle due sedi raggiungeva i 300 iscritti. In particolare, la sede di rue de la Faisanderie accoglieva, dalla scuola elementare al liceo scientifico e all’istituto tecnico, gli alunni che proseguivano gli studi, mentre a Vincennes, dove l’utenza era soprattutto di ragazzi provenienti da famiglie più modeste, c’erano una scuola materna e una scuola elementare, seguita dall’avviamento al lavoro professionale e commerciale.

Dal 1940 al 1949 il numero di iscritti subì un notevole decremento, alla fine del conflitto la sede principale fu occupata dal Governo Provvisorio francese e gli studenti furono riuniti nella sede di Vincennes.

Nel 1949 la Direzione delle Relazioni Culturali del Ministero degli Affari Esteri operò una revisione delle istituzioni scolastiche esistenti all’estero e decise di aprire a Parigi la scuola italiana “Leonardo da Vinci” in rue Sédillot, attuale sede della scuola media e del liceo scientifico.Il 4 novembre dello stesso anno, con la Convention Culturelle italo francese, venne stabilito un rapporto di reciprocità fra la « Leonardo da Vinci » di Parigi e lo « Chateaubriand » di Roma.

Nel 1961 la scuola elementare fu trasferita nell’attuale sede di avenue de Villars, che in precedenza aveva ospitato l’Istituto di Cultura, e si arricchì in seguito di una scuola materna privata.

La sede di rue Sédillot: un po’ di storia

L’immobile, costruito nel 1899 dall’architetto J.A. Lavirotte in puro stile Art Nouveau, fu originariamente destinato a residenza privata. Venne acquistato dallo Stato italiano il 6 maggio 1930. Adibito a Casa d’Italia, ospitò gli uffici del Fascio e un ambulatorio messo a disposizione della locale comunità italiana. Anche questo edificio, alla fine della guerra, fu sequestrato dal Governo Provvisorio francese.
Successivamente lo Stato italiano ne ottenne il dissequestro e il 5 novembre 1949 la scuola italiana, sotto il nome di “Leonardo da Vinci”, ottenne la sua sede definitiva.

 

(Fonte: “Il Leonardo”, n.1, febbraio 1995 e n.2, giugno 1995)


19